Crea sito

Dimmi che piatto vuoi e ti dirò chi sei

Anche se ad un primo sguardo i piatti possono sembrare quasi tutti uguali, se li osserviamo meglio, ma soprattutto se li ascoltiamo, scopriremo che ne esistono una varietà infinita. Si dice infatti che ogni piatto è unico e in effetti anche due crash della stessa linea, con le stesse dimensioni e caratteristiche, possono suonare leggermente diversi. Perciò, dimmi che piatto vuoi e ti dirò chi sei

Materiale e tipi di piatto

Quasi tutti i piatti professionali sono prodotti in bronzo B20 (80% rame e 20% stagno).

Un set può essere composto da diversi tipi di piatti (hi-hat, ride, crash, splash, china, stack, piatti effetto, piatti da pizza… no scusate, articolo sbagliato) a seconda delle necessità musicali.

Oggi vorrei parlare delle caratteristiche fisiche dei piatti e di come queste influiscono sul suono.

Caratteristiche fisiche dei piatti per batteria e loro effetti

Caratteristiche fisiche e loro effetti

Size (dimensioni)

Si intende il diametro misurato in pollici (inches). Più è grande, più il piatto avrà un pitch (tono/intonazione) basso e scuro. Inoltre avrà un volume e un sustain (durata del suono) maggiore. Più è piccolo, più avrà un pitch alto e brillante, e volume e sustain minori.

Misure tipiche:

  • Hi-hat: 13″ – 16″
  • Ride: 20″ – 24″
  • Crash: 14″ – 20″
  • Splash: 6″ – 12″

Ascolta le differenze:

Profile

Possiamo dire che indica quanto è piatto il piatto. Si tratta della distanza verticale dell’arco che va dal fondo della campana fino al bordo. Un profile alto determina un pitch alto e un attacco veloce e viceversa, un profile basso determina un pitch basso e un attacco più lento.

Ascolta le differenze. Clicca qui

Weight (peso)

E’ determinato dallo spessore. I piatti sottili sono più scuri di quelli spessi, che invece sono più brillanti.

Ascolta le differenze. Clicca qui

Bell size

Le dimensioni della campana influiscono sul pitch e sul volume. Un piatto con una campana piccola è abbastanza controllato, e ha volume e pitch più bassi. All’aumentare delle dimensioni della campana, il volume aumenta, così come il pitch e il sustain.

Ascolta le differenze. Clicca qui

Bell treatment

Una campana che non viene tornita (raw bell) renderà il suono più tagliente, aumentando il volume e il sustain. La tornitura diminuisce la massa della campana e rende il volume più controllato.

Hammering (martellatura)

Influisce sul modo in cui le vibrazioni sonore si muovono attraverso il piatto. Se è fitta occorrerà colpirlo con più energia per ottenere un suono aperto, ma in compenso ne aumenta il volume, il pitch e l’attacco sarà più deciso. Una martellatura poco fitta permette alle vibrazioni di diffondersi più facilmente e determina un pitch più scuro e un attacco più morbido.

Lathing (tornitura)

E’ il processo con cui il piatto viene “sbucciato” della parte grezza più esterna. La tornitura sulla parte superiore rende il suono del piatto più chiuso, contrariamente alla tornitura sulla parte inferiore, che lo rende più aperto. Di conseguenza, il rapporto tra la tornitura superiore e inferiore regola la tensione complessiva del piatto.

In generale un piatto tornito ha maggiore volume, sustain e un suono più aperto e brillante. Un piatto non tornito ha volume minore e sustain minori e un suono più chiuso e scuro.

Holes (buchi)

Alcuni piatti possono avere dei fori, che variano di numero e dimensione a seconda del modello. I fori ne diminuiscono la massa e cambiano il modo in cui si propagano le onde sonore. I piatti bucati sono anche detti “trash cymbals” a causa del suono “sporco” e acido. Hanno un attacco morbido e poco sustain.

Ascolta le differenze. Clicca qui

Conclusioni

Chiaramente è impossibile prevedere esattamente il suono di un piatto senza suonarlo, ma conoscendo queste caratteristiche avrete più informazioni la prossima volta che ne vorrete comprare uno.

Se hai trovato interessante l’articolo “Dimmi che piatto vuoi e ti dirò chi sei” e ne vorresti altri di questo tipo su qualche aspetto specifico, oppure se hai osservazioni da fare, lascia un commento in basso.

Troverai altri articoli nella mia pagina, cliccando qui.

6 commenti su “Dimmi che piatto vuoi e ti dirò chi sei

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.